Sign in / Join
0

Test: GIK Acoustics Alpha4A, pannelli assorbitori e diffusori

Rapporto qualità/prezzo8
Costruzione8
Facilità d'uso8
8

Prima ancora di pensare all’outboard, uno studio deve avere un progetto acustico, indispensabile per poter ascoltare come si deve qualsiasi tipo di monitor, dal più piccolo al più grande. Gik Acoustics ha in catalogo diverse soluzioni, tra le quali i pannelli Alpha4a che possono comportarsi come assorbitori o diffusori secondo l’installazione.

Sono anni che ci chiediamo come provare un pannello acustico in studio, evitando di accedere a una sala anecoica o a un laboratorio per test acustici specifici. Una delle soluzioni che abbiamo pensato è sostituire letteralmente alcuni dei pannelli dello studio con quelli da provare, soprattutto nei punti che conosciamo essere i più critici per la gestione di nodi e riflessioni. Nel ricco catalogo di GIK Acoustics abbiamo scelto gli Alpha4A per il loro coefficiente di assorbimento tra i 160 e gli 600 Hz, una zona che include le famigerate medio basse intorno ai 250 Hz che sono frequentemente la causa di ascolti confusi sulle medio basse e, di conseguenza, con ascolti sui medi che tendono a essere poco dettagliati. Gli Alpha4A non sono però solo pannelli assorbitori, perché il lato anteriore accoglie una piastra di legno o plastica con sequenze di diffusione mono (solo linee) o bidimensionali (punti e righe, o solo righe secondo l’opzione) . Dai data sheet dei test di laboratorio di Alpha4A sappiamo che il coefficiente di assorbimento con il valore più alto (1,30) di trova a 400 Hz. Per quanto riguarda la diffusione, invece, il pannello frontale inizia a lavorare sopra i 1000 Hz.

 

gik apha4a

Hardware

I pannelli hanno dimensoni di 595 x 1205 mm con spessore di 100 mm, dal peso di 9 kg. La piastra anteriore per la diffusione dei pannelli in prova è di legno di faggio, incollato al pannello acustico, realizzato con uno scheletro in legno e riempito con fibra di vetro rigida da materiali reciclati nei suoi 10 cm di spessore. I pannelli non prevedono scomparti precostruiti per appenderli, ma sono forniti invece con dei ganci seghettati in metallo da avvitare sul pannello e quindi da appendere al muro, senza necessità di colle adesive per il muro e lasciando liberi di scegliere la posizione orizzontale o verticale. Previsti anche supporti da pavimento opzionali, nel qual caso il pannello può essere girato a piacere come assorbitori o diffusore. Il peso, comunque, esclude a priori a un fissaggio adesivo. Per usarli come assorbitori puri è sufficiente installarli con la faccia posteriore in bella vista: GIK Acoustics ha pensato anche a questa evenienza, per cui la faccia posteriore è vestita di un unico pezzo di tessuto, così da apparire uniforme. In catalogo sono disponibili nove colori differenti senza alcun costo aggiuntivo, mentre è possibile chiedere altri colori con un supplemento di prezzo scegliendo tra la serie Camira Cara (5,50 € in più a pannello) e Camira Lucia (13 € in più a pannello). I pannelli sono disponibili anche nelle misure di 595mm x 595 mm e 295z1205 mm.

 

Il disegno geometrico del diffusore in legno

In prova

Abbiamo letteralmente smontato i pannelli del nostro studio nei punti più pericolosi e sensibili e li abbiamo sostituiti con gli Alpha4A, grazie al fatto che avevo dimensioni del tutto simili ai nostri, compreso lo spessore. Il progetto acustico, ovviamente, si modifica minimamente rispetto al previsto, ma ciò che conta alla fine è l’ascolto. Come assorbitori, gli Alpha4A lavorano come previsto, producendo un’acustica asciutta e molto controllata. L’assorbimento sulle medio basse è evidente e necessario nel nostro progetto acustico. L’unica modifica eseguita è stata quella di dover impiegare tasselli da muro in posizione differente. Il supporto seghettato è senz’altro pratico ma può non essere la soluzione migliore quando si vogliono installare più pannelli ravvicinati tra loro, perché lascia un minimo spazio. L’alternativa sarebbe stata una superficie rigida posteriore dove inserire dei fori per l’ancoraggio, ma il pannello in questo caso avrebbe perso la sua funzionalità duplice di assorbitore da un lato e diffusore dall’altro. La minima distanza tra pannelli adiacenti non rappresenta comunque un gran problema. Garantita la qualità nell’assorbire le medio basse frequenze, ricordando che nella serie Alpha4A sono disponibili anche le bass trap, la diffusione è quanto di più creativo ci possa essere per evitare un ambiente di ascolto troppo smorzato. Usandoli come diffusori dietro ai monitor, si ottengono i migliori benefici: assorbimento delle basse frequenze e diffusione sulle medie, che danno più vita all’ascolto. Altra posizione interessante è dietro la postazione del fonico, sempre come diffusori, o sui lati. C’è più vividezza e un suono più naturale, che dipende ovviamente anche dalla qualità della catena audio, senza alcun artefatto che pregiudichi l’ascolto. La scelta di usare diffusori è sempre legata al modo di ascoltare e ai risultati che si vogliono raggiungere. Nel caso di home theatre o ambienti commerciali o domestici, gli Alpha4a sono molto vantaggiosi per il loro doppio ruolo. In studio di registrazione ne bastano quattro da usare in verticale durante la ripresa, per condizionare il timbro finale e giocare anche sulle riflessioni delle medie frequenze tra posizione del microfono e sorgente. Nella sala regia occorre sapere cosa si sta facendo, sebbene i risultati siano sempre sotto controllo e prevedibili. La costruzione è di qualità e non offre punti deboli: il taglio del tessuto è preciso come quello del legno di faggio. La scelta di incollare la piastra di legno al frontale offre una soluzione veloce in caso di manutenzione se si volesse cambiare il disegno.

Conclusioni

GIK Acoustics Alpha4a è un pannello ben concepito, dalla doppia funzione e quindi flessibile. La semplice installazione e i risultati acustici sono di prim’ordine e possono essere i mattoni con cui realizzare il proprio progetto acustico. I risultati promessi sulla carta sono tutti mantenuti, il che è garanzia di serietà e qualità. Un bravo ingegnere acustico può fare miracoli usando questi pannelli, anche in ambienti particolarmente ostili. Un paio di Alpha4a, ben posizionati in ambienti di piccole dimensioni (pochi metri quadrati), sono in grado di fare la differenza tra la confusione e un ascolto molto più preciso, con qualsiasi tipo di monitor, ricordando che GIK Acoustics offre anche un assistenza gratuita in italiano sia per l’acquisto che il progetto acustico.

 

PRO

Doppia funzione di assorbitore e diffusore

Qualità costruttutiva

CONTRO

Supporto per l’ancoraggio richiede un minimo di spazio

 

INFO

GIK Acoustics

Prezzo: 595x595 € 86 + IVA

595x1205 € 141 + IVA

295x1205 € 86 + IVA

 

Allegati

FileDescrizione
pdf GIK Acoustics Alpha4A

Leave a reply